Comunicazioni urgenti

Conto Annuale: On line il kit excel

Fonte: http://www.rgs.mef.gov.it

Disponibile sul sito della Ragioneria dello Stato il kit excel per il comparto “Regioni – Autonomie locali”.

 

Il kit contiene tutte le tabelle e le schede informative 2014 utilizzabili per la raccolta dei dati, finalizzata sia all’invio successivo dei dati con modalità on line, sia all’invio del kit stesso tramite procedura di download/upload direttamente in SICO.

Per il comparto “Regioni – Autonomie locali”, viene reso disponibile anche il file “Lista Istituzioni” che dovrà essere utilizzato dalle Unioni dei Comuni e dalle Comunità Montane per indicare, nell’apposita Sezione della Scheda informativa 1A, i codici dei Comuni che ad esse appartengono.

Per scaricare il kit excel e la “Lista Istituzioni”, clicca qui.

Ai nostri utenti e clienti: al kit excel ci pensa Alma (Tabelle di spesa e organico).

Bonus Bebè – da oggi è possibile presentare le domande all’INPS

Oggi, lunedì 11 maggio 2015, è il primo giorno utile per presentare le domande per ricevere il cosiddetto bonus bebè.

 

Il nuovo bonus consta in un assegno mensile che verrà corrisposto per tre anni per ogni figlio nato o adottato tra il primo gennaio 2015 e il 31 dicembre 2017.

La domanda per il nuovo bonus all’Inps potrà essere presentata da un genitore convivente con il figlio esclusivamente in via telematica. Il bonus viene riconosciuto solo ai nuclei familiari che hanno dichiarato un Isee di valore non superiore ai 25.000 euro annui.

La misura dell’assegno dipende dall’Isee della famiglia di appartenenza del genitore richiedente.

Per saperne di più, clicca qui.

Ulteriore differimento del termine per presentare il bilancio di previsione

 Il termine per la presentazione dei bilanci dei Comuni e degli Enti locali slitta ancora; si passa dal 31 maggio al 30 luglio.

 

Questo ulteriore differimento, deciso nella seduta del 7/5/2015 dalla Conferenza Stato-Città ed Autonomie Locali, comporta anche lo slittamento in avanti delle decisioni sulle aliquote per l'Imu, la Tasi e l'addizionale Irpef.

Conto Annuale – Scadenza della Relazione

Domani, 20 maggio 2015, è l’ultimo giorno utile per l’invio dei dati in SICO (Sistema Conoscitivo del personale dipendente delle amministrazioni pubbliche) delle informazioni relative al Conto annuale 2014, ovvero della relazione allegata al Conto Annuale 2014.

La scadenza del 20 maggio 2015 riguarda Comuni e Unioni di Comuni, infatti tutte le restanti istituzioni inviano una relazione illustrativa (modalità definite nella circolare nr. 14/2015) entro il 31 maggio.

Per leggere la Circolare in merito della Ragioneria Generale dello Stato, clicca qui.

Scadenze per la P.A.

Ultimo mese Maggio 2015 Prossimo mese
L M M G V S D
week 18 1 2 3
week 19 4 5 6 7 8 9 10
week 20 11 12 13 14 15 16 17
week 21 18 19 20 21 22 23 24
week 22 25 26 27 28 29 30 31
Home

INPS – On line il nuovo servizio “La mia pensione”

È disponibile sul sito INPS il nuovo servizio “La mia pensione”.

Questo nuovo servizio permette di simulare quella che sarà presumibilmente la pensione che il lavoratore riceverà al termine dell’attività lavorativa. Il calcolo della pensione tiene conto della normativa attualmente in vigore e si basa su tre fondamentali elementi: l’età, la storia lavorativa e la retribuzione/reddito.

Attualmente potranno usufruire di tale servizio esclusivamente i lavoratori con contribuzione versata al Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti, alle Gestioni Speciali dei Lavoratori Autonomi (Artigiani e Commercianti, Coltivatori diretti, coloni e mezzadri), e alla Gestione separata, con rilasci successivi per fasce di età:

dal 1° maggio, i lavoratori sotto i 40 anni;

dal 1° giugno, i lavoratori sotto i 50 anni;

dal 1° luglio, tutti i lavoratori sopra i 50 anni.

Per i dipendenti pubblici il servizio sarà disponibile a partire dal 2016.

Per saperne di più, clicca qui.

 

Articoli recenti

Previous Next
INPS – On line il nuovo servizio “La mia pensione”

È disponibile sul sito INPS il nuovo servizio “La mia pensione”.

Questo nuovo servizio permette di simulare quella che sarà presumibilmente la pensione che il lavoratore riceverà al termine dell’attività lavorativa. Il calcolo della pensione tiene conto della normativa attualmente in vigore e si basa su tre fondamentali elementi: l’età, la storia lavorativa e la retribuzione/reddito.

Attualmente potranno usufruire di tale servizio esclusivamente i lavoratori con contribuzione versata al Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti, alle Gestioni Speciali dei Lavoratori Autonomi (Artigiani e Commercianti, Coltivatori diretti, coloni e mezzadri), e alla Gestione separata, con rilasci successivi per fasce di età:

dal 1° maggio, i lavoratori sotto i 40 anni;

dal 1° giugno, i lavoratori sotto i 50 anni;

dal 1° luglio, tutti i lavoratori sopra i 50 anni.

Per i dipendenti pubblici il servizio sarà disponibile a partire dal 2016.

Per saperne di più, clicca qui.

Read more
Orario di lavoro - Prestazione presso altra Amministrazione - Orientamento Aran

In base all’art. 4 del CCNL del 12 gennaio 1996: “qualora per la tipologia professionale o per esigenze di servizio sia necessario prestare l’attività lavorativa al di fuori della sede di servizio, il tempo di andata e ritorno per recarsi dalla sede al luogo della prestazione lavorativa è da considerarsi a tutti gli effetti orario di lavoro”.

Qualora il dipendente di una amministrazione debba recarsi, per lo svolgimento della prestazione lavorativa, dalla sede ove presta servizio ad un’altra sede della medesima struttura o presso un’altra amministrazione il tempo necessario per lo spostamento da una sede all’altra (sia andata che ritorno) deve essere quindi ricompreso nell’orario di lavoro.

Per leggere il CCNL del 12 gennaio 1996, clicca qui.

Read more
Permessi diritto allo studio – Orientamento Aran

I permessi per il diritto allo studio (art. 15 del c.c.n.l. del 2000) possono essere utilizzati dal personale solo per la partecipazione alle attività didattiche e per sostenere gli esami dei corsi di studio che si svolgano durante l’orario di lavoro e non anche per l’attività di studio o di semplice preparazione degli esami o per attendere ai diversi impegni che il corso comporta.

Tali indicazioni trovano fondamento nella sentenza della Corte di Cassazione n. 10344/2008: “i permessi straordinari retribuiti possono essere concessi soltanto per frequentare i corsi …omissis… in orari coincidenti con quelli di servizio, non per le necessità connesse all'esigenza di preparazione degli esami, ovvero per altre attività complementari (come, ad esempio, i colloqui con i docenti o il disbrigo di pratiche di segreteria)”.

Per leggere la Sentenza, clicca qui.

Read more
Dipendenti pubblici - Visite mediche come malattia

Fonte:http://www.italiaoggi.it/giornali/preview_giornali.asp?id=1985771&codiciTestate=1&sez=professionisti&titolo=Statali,visitemedicheedesami comemalattia

La direzione del personale del ministero delle infrastrutture con la circolare n.24739/2015, ha recepito le conclusioni della sentenza n.5714/2015 del Tar Lazio affermando che:

“I dipendenti pubblici che si assentano dal servizio per l'espletamento di visite mediche o esami diagnostici, potranno essere considerati in malattia, invece che dover intaccare il proprio monte ore relativo ai permessi retribuiti o alle ferie. La giustificazione di tale assenza sarà data dalla semplice attestazione del medico o della struttura, anche privata, che ha reso la prestazione specialistica.”

Per leggere la Sentenza, clicca qui.

Read more