Comunicazioni urgenti

Certificazioni Uniche: le (ultime?) precisazioni dell’Agenzia delle Entrate

Ecco i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate con la circolare n. 6/E del 19 febbraio 2015. Visualizza

25.02.2015 - Aggiornato il software di Controllo / Compilazione Certificazione Unica 2015!

Rilasciata dall'Agenzia delle Entrate la versione 1.1.0.
Vuoi saperne di più?
Clicca qui.

730 precompilato per il Contribuente

Scopri come il contribuente potrà accedere al modello per accettarlo o modificarlo.

Scadenze per la P.A.

Ultimo mese Marzo 2015 Prossimo mese
L M M G V S D
week 9 1
week 10 2 3 4 5 6 7 8
week 11 9 10 11 12 13 14 15
week 12 16 17 18 19 20 21 22
week 13 23 24 25 26 27 28 29
week 14 30 31
Home

730 precompilato: ecco come il contribuente potrà accedere

Con Provvedimento n. 25992 del 23 febbraio 2015 l’Agenzia delle Entrate ha reso note le modalità di Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati.

“Il contribuente accede direttamente ai documenti [...] attraverso le funzionalità rese disponibili all’interno dell’area autenticata, previo inserimento delle credenziali Fisconline rilasciate dall’Agenzia delle Entrate [...], con le modalità indicate nell’apposita sezione del sito internet dell’Agenzia delle Entrate, ovvero tramite le credenziali dispositive rilasciate dall’INPS”

Per ottenere il codice PIN che consente l'accesso ai servizi di Fisconline, sarà necessario fornire i dati relativi alla dichiarazione dei redditi presentata nel 2014 (redditi 2013) e inserire il proprio codice fiscale.

Il sistema fornirà subito la prima parte del Pin (prime 4 cifre); il richiedente riceverà entro 15 giorni, al domicilio conosciuto dall'Agenzia delle Entrate, una lettera contenente gli elementi necessari a completare il codice Pin (ultime 6 cifre) e la password di accesso.

Per saperne di più, clicca qui.

 

Articoli recenti

Previous Next
730 precompilato: ecco come il contribuente potrà accedere

Con Provvedimento n. 25992 del 23 febbraio 2015 l’Agenzia delle Entrate ha reso note le modalità di Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati.

“Il contribuente accede direttamente ai documenti [...] attraverso le funzionalità rese disponibili all’interno dell’area autenticata, previo inserimento delle credenziali Fisconline rilasciate dall’Agenzia delle Entrate [...], con le modalità indicate nell’apposita sezione del sito internet dell’Agenzia delle Entrate, ovvero tramite le credenziali dispositive rilasciate dall’INPS”

Per ottenere il codice PIN che consente l'accesso ai servizi di Fisconline, sarà necessario fornire i dati relativi alla dichiarazione dei redditi presentata nel 2014 (redditi 2013) e inserire il proprio codice fiscale.

Il sistema fornirà subito la prima parte del Pin (prime 4 cifre); il richiedente riceverà entro 15 giorni, al domicilio conosciuto dall'Agenzia delle Entrate, una lettera contenente gli elementi necessari a completare il codice Pin (ultime 6 cifre) e la password di accesso.

Per saperne di più, clicca qui.

Read more
Questionario Fabbisogni standard Enti Locali… slitta al 31 marzo!

In una nota del 26 febbraio 2015 l’Ifel ha comunicato che “in sede di Conferenza stato-città, è stato raggiunto un accordo con il Ministero dell'Economia che concede una proroga di trenta (30) giorni per il suddetto adempimento. Al momento verrà diramata una comunicazione di avvenuto accordo tra le parti. L'atto sarà ratificato in occasione della prima Conferenza Unificata utile. Si ricorda che, alla scadenza del termine, il Ministero dell'Economia invierà la lista degli Enti inadempienti al Ministero dell'Interno che procederà al blocco del primo pagamento utile dei trasferimenti.”

L’Ifel ha ricordato altresì che attualmente sono attivi i servizi di supporto:

• per quesiti sull'inserimento dei dati, numero telefonico - 0688816323 - e il seguente indirizzo e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.;

• per problemi di funzionamento del portale e/o riapertura questionari, indirizzo e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Fonte: fondazioneifel.it

Read more
Previdenza complementare: innalzata la tassazione al 20% sul rendimento dei fondi pensione

Con Circolare n. 2/E del 13 febbraio 2015 l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in ordine alle novità fiscali introdotte dalla Legge di Stabilità in materia di tassazione delle forme pensionistiche complementari.

In particolare, il comma 621 dell’articolo 1 ha aumentato dall'11,5 al 20 per cento la misura dell’imposta sostitutiva di cui all’articolo 17, comma 1, del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 da applicare sul risultato di gestione maturato nel periodo di imposta dalle forme di previdenza complementare.

Si legge nella Circolare che […] Per i fondi pensione di natura negoziale che hanno come destinatari dipendenti delle pubbliche amministrazioni […], si fa presente che l’articolo 23, comma 6, del decreto legislativo 252 del 2005 dispone che “Fino all’emanazione del decreto legislativo di attuazione dell’articolo 1, comma 2, lettera p), della legge 23 agosto 2004, n. 243, ai dipendenti delle pubbliche amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, si applica esclusivamente ed integralmente la previgente disciplina”. […] Non opera, invece, con riferimento al trattamento fiscale proprio del fondo pensione in sede di imposizione del risultato maturato dalla gestione: anche al risultato di gestione di tali fondi pensione si applica la previsione della legge di stabilità per il 2015 che aumenta la relativa imposta sostitutiva al 20 per cento.

Visualizza il testo della Circolare.

Read more
Nuovi codici tributo, l’Agenzia delle Entrate aggiorna il Software di controllo per F24 EP!

E’ quanto comunicato in data 20 febbraio 2015 dall’Agenzia delle Entrate che ha rilasciato la versione 1.5.0 del software di controllo, adeguato a quanto previsto dalla Risoluzione n. 12/2015 e 15/2015.

Le suddette risoluzioni hanno infatti istituto i codici tributo per il versamento, tramite modello F24 ed F24 Enti pubblici, delle somme dovute in relazione all’assolvimento dell’imposta di bollo virtuale e i codici tributo per il versamento, mediante i modelli F24 ed F24 Enti pubblici, dell’IVA dovuta dalle pubbliche amministrazioni a seguito di scissione dei pagamenti.

Vuoi saperne di più? Clicca qui.

Read more