Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare l'esperienza d'uso e a fini statistici. Proseguendo con la navigazione se ne accetta l'utilizzo.

Con la sentenza n. 7070/2019 il Consiglio di Stato - Sezione Terza ha chiarito che la procedura di “stabilizzazione” del personale, che consista in una procedura selettiva di conferma, nelle funzioni già svolte, di personale precario che quella stessa qualifica ha conseguito tramite pubblico concorso, deve attribuirsi carattere “concorsuale”.

 L’amministrazione, al fine di colmare le proprie scoperture di organico, ben può percorrere la scelta discrezionale di procedere alla stabilizzazione di personale precario, a condizione che tale soluzione si appalesi ragionevole, funzionale al principio di buon andamento, quindi giustificata da peculiari esigenze di interesse pubblico e, sulla base di queste, adeguatamente motivata.

Più precisamente, la stabilizzazione del precariato costituisce soluzione praticabile - in un quadro ordinamentale improntato al criterio assiale dell’accesso al pubblico impiego mediante concorso aperto anche a concorrenti esterni - a patto che: a) siano stabilite preventivamente le condizioni per l’esercizio del potere di assunzione; b) la costituzione del rapporto a tempo indeterminato sia subordinata all’accertamento di specifiche necessità funzionali dell’amministrazione; c) si prevedano procedure di verifica dell’attività svolta; d) i soggetti da assumere abbiano maturato tale esperienza all’interno della pubblica amministrazione e non alle dipendenze di datori di lavoro esterni (Corte  cost. n. 215 del 2009); e) la deroga al predetto principio sia contenuta entro limiti tali da non precludere in modo assoluto la possibilità di accesso della generalità dei cittadini al pubblico impiego (Corte cost. n. 108 del 2011).

Clicca qui per leggere la sentenza n. 7070/2019 del Consiglio di Stato - Sezione Terza.

ANOTHER PROTON WEBSITEPICTURES BY FREEPIK